Comunicazione di servizio

Con la presente informiamo che il numero fisso è momentaneamente disabilitato.

Per comunicazioni e nuove iscrizioni chiamare:

Bruna Sibio ( vice presidente) : 3381543487

Agnese Catallo ( cons. segretario) : 3475538090

email: segreteria@collegioostetrichelatina.it

pec: segreteria@pec.collegioostetrichelatina.it


Corso : “La rieducazione pelviperineale: La prevenzione dalle sale parto” Roma 11 marzo 2017

 

“La rieducazione pelviperineale: La prevenzione dalle sale parto”

Università Sapienza/Umberto I. Facoltà di Medicina e Farmacia.

 11 Marzo 2017

Sede: Dipartimento di Chirurgia Generale e Specialistica “Paride Stefanini” – aula “Paride Stefanini”

Il corso è accreditato con n. 6 ECM
Il provider assegna i crediti ECM solo ai partecipanti che hanno frequentato il 75% del corso e superato il test di apprendimento.

Segreteria organizzativa e provider ecm:
Asef Provider ECM ID 3840
Tel.: 0686212551
Cell 3938505987
Per partecipare inviare un’email al seguente indirizzo: info@asefmed.com

 

brochure-convegno-sale-parto-1


Ddl Lorenzin. PAROLA ALLE OSTETRICHE

 

Ddl Lorenzin : “Bene testo ma necessarie modifiche al Dpcm sui nuovi Lea”

Così la Federazione nazionale dei Collegi delle ostetriche in audizione in commissione Affari Sociali, ha ribadito l’importanza dell’integrazione della prescrizione degli esami necessari al controllo della gravidanza normale da parte dell’ostetrica. “E’ un atto essenziale per la qualità e l’appropriatezza delle cure nei rispettivi livelli di necessità”.

05 OTT – La Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche in audizione informale presso la XII Commissione – Affari sociali – sul ddl Lorenzin, ha illustrato rilievi ed osservazioni su diversi articoli del testo. Nell’esprimere parere favorevole sull’impianto del disegno di legge, la Fnco ne ha evidenziato gli aspetti positivi quali l’adeguamento della normativa italiana al Regolamento UE 536/2014 sulla sperimentazione clinica dei medicinali e l’importante riferimento alla medicina di genere per l’individuazione di adeguate cure ai bisogni specifici della popolazione femminile. In considerazione della rilevanza di questi temi la Fnco ha evidenziato l’importanza della partecipazione attiva della figura professionale ostetrica ai processi di ricerca e di valutazione delle sperimentazioni cliniche.

Riguardo alla riforma ordinamentale, nell’auspicare la trasformazione dei Collegi in Ordini Professionali, la Federazione ha evidenziato l’importanza di prevedere la possibilità di una tassa annuale diversificata per gli iscritti non occupati o non esercenti, anche alla luce della rilevanza del dettato legislativo secondo il quale, per l’esercizio di ciascuna delle professioni sanitarie, in qualunque forma giuridica svolto, è necessaria l’iscrizione al rispettivo albo.
Ampia condivisione, inoltre, è stata data verso la possibilità di conservare l’iscrizione all’Ordine professionale professionisti che si stabiliscono all’estero, considerato anche il fenomeno in crescita dell’emigrazione dei giovani professionisti per la ricerca di occupazione, nonché alle misure di contrasto verso ogni forma di abusivismo e quindi all’inasprimento della pensa prevista da un terzo alla metà.

Nei riguardi della tutela della professione e della salute pubblica la Fnco ha colto l’occasione dell’audizione per ribadire quanto già osservato e rilevato al testo del Dpcm per l’aggiornamento dei Lea approvato dalla Conferenza Stato-Regioni e riportato nel documento trasmesso al Direttore Generale Comitato Lea e successivamente ai Presidenti delle Commissioni parlamentari ed a tutti i componenti del governo.

La Federazione ha chiesto di integrare il Dpcm sui nuovi Lea all’art. 59 commi 2 e 4 “Assistenza specialistica ambulatoriale per le donne in stato di gravidanza e a tutela della maternità” prevedendo che la prescrizione delle prestazioni specialistiche ambulatoriali, escluse dalla partecipazione del costo – elencate negli allegati 10a e 10b, fosse prescritta dallo specialista o dal medico di medicina generale e/o dalla ostetrica, in applicazione dell’art. 37 del D.Lgs. 15/2016 che modifica l’art. 48 del D.Lgs. 206/2007 “Esercizio delle attività professionali di ostetrica”, come di seguito riportato:
a) omissis
b) accertare la gravidanza e in seguito sorvegliare la gravidanza , effettuare gli esami necessari al controllo dell’evoluzione della gravidanza normale;
c) prescrivere gli esami necessari per la diagnosi quanto più precoce di gravidanze a rischio; omissis.

La Fnco ha ribadito che l’integrazione della prescrizione degli esami necessari al controllo della gravidanza normale da parte dell’ostetrica/o, “è un atto essenziale per la qualità e l’appropriatezza delle cure nei rispettivi livelli di necessità”.

 

 

 

 

Fonte :

http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=43647


Informativa U.C.S.C. II° Edizione Master I livello “Ostetrica di comunità e salute della donna e del neonato”

Ostetrica/o di comunità e salute della donna e del neonato

Sede didattica: Roma

Lingua: Italiano

Scadenza: 7 novembre 2016

Facoltà: Facoltà di Medicina e Chirurgia

Anno accademico: 2016/2017

Livello: Master di I livello

L’Università Cattolica del Sacro Cuore, per iniziativa della Facoltà di Medicina e chirurgia “ A. Gemelli” di Roma, “Dipartimento per la Tutela della Salute della Donna, della Vita Nascente, del bambino e dell’adolescente” istituisce,  per l’anno accademico 2016/17 il Master Universitario di primo livello in Ostetrica di Comunità e Salute della Donna e del Neonato.

Il Master universitario di primo livello ha la durata di un anno accademico per complessivi 60 crediti, pari a 1500 ore.

In relazione al costante mutamento dei bisogni e dei problemi di salute, al crescente sviluppo di una cultura dell’organizzazione sanitaria orientata sempre più verso la promozione e la tutela della salute nonché verso scelte strategiche di deospedalizzazione, di potenziamento dei servizi sanitari a livello territoriale, di rinnovamento del clima culturale e dell’evoluzione della normativa, nasce la necessità di riorientare i servizi sanitari verso un nuovo assetto assistenziale e clinico/organizzativo che trovi spazio operativo a livello domiciliare, residenziale ed ambulatoriale.

Per raccogliere queste sfide di Sanità Pubblica, recuperando i fondamenti e gli assunti filosofici contenuti nella dichiarazione di Alma Ata, nella Carta di Ottawa dell’OMS e, più recentemente, nelle raccomandazioni della Conferenza di Adelaide, si identifica tra le aree prioritarie di intervento la promozione della salute riproduttiva, ed in particolare il favorire la salute delle donne, bambini e famiglie.

La facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore propone un percorso di formazione finalizzato ad approfondire conoscenze, competenze, abilità assistenziali, clinico-relazionali ed organizzative dell’Ostetrica/o di comunità, al fine di fornire cure primarie di promozione e tutela della salute riproduttiva della collettività (donna/coppia/famiglia/comunità) nelle varie fasi della vita dell’individuo.

Il Master ha quindi la finalità di preparare un’ostetrica/o di comunità in possesso di una formazione avanzata con competenza distintiva professionale nel settore delle cure primarie, in ambito ostetrico, ginecologico e neonatale.

In tali ambiti, le ostetriche, che concorrono allo sviluppo di modelli concettuali necessari all’orientamento delle organizzazioni socio-sanitarie, devono essere in grado di sviluppare competenze integrate ed innovative ampliando il raggio d’azione delle attività di promozione della salute di genere ed in campo riproduttivo, influenzando gli stili di vita dei singoli individui e delle comunità e orientando le scelte politiche che possono avere implicazioni sulla salute.

Obiettivi formativi che lo studente dovrà dimostrare di avere acquisito al termine del master:

  1. Conoscenze e capacità di comprensione:
  • strategie di comunicazione e counselling  per fornire alle donne informazioni basate su prove di efficacia aggiornate;
  • epidemiologia dello stato di salute di genere, nel percorso nascita e del bambino e della collettività;
  • test di screening e modalità di prevenzione dei fattori di rischio per la salute materna, fetale e neonatale;
  • metodologie di “apprendimento attivo” da privilegiare negli interventi di educazione alla salute rivolti alla donna/coppia ed alla comunità;
  • educare l’utente e la sua famiglia a corrette abitudini di vita, tenendo conto della loro rappresentazione del proprio stato di salute e delle differenze comportamentali legate alla cultura di appartenenza, con particolare riferimento alla prevenzione delle mutilazioni genitali femminili (M.G.F.);
  • approfondimenti sulla prevenzione della patologia tumorale e promozione della salute in ginecologia;
  • segni e/o segnali di disagio psichico e cognitivo ed attivare interventi specialistici e la rete del percorso nascita per la donna in epoca peri-gravidica, gravidica e puerperale;
  • cura, educazione e rieducazione del pavimento pelvico in relazione alle fasi del ciclo riproduttivo;
  • modelli di health community care ostetrica a livello nazionale ed internazionale.
  1. Abilità
  • gestire e condurre gruppi e percorsi di accompagnamento alla nascita ed alla genitorialità attraverso metodologie innovative
  • gestire la sorveglianza  dello stato di salute della donna, della gestante,  del feto e del neonato sulla base di linee guida e protocolli condivisi;
  • realizzare interventi educativi su corretti stili di vita finalizzati alla promozione e tutela della salute riproduttiva;
  • realizzare interventi informativo/educativi alla gestante/alla coppia finalizzati a sensibilizzare la donazione del sangue cordonale o di altro materiale biologico a scopo solidaristico;
  • realizzare programmi di educazione all’affettività rivolti ai giovani per il controllo dei fattori di rischio in rapporto alle fasce d’età ed alla differenza di genere;
  • organizzare campagne vaccinali e di screening di 1° e 2° livello orientate alla promozione della salute e prevenzione delle malattie nella donna e nel bambino;
  • utilizzare gli strumenti e metodi di ricerca scientifica in ambito ostetrico.
  1. Competenze avanzate
  • utilizzare strumenti standardizzati per l’identificazione precoce dei fattori di rischio e di potenziali stati patologici
  • utilizzare l’ecografia e altri strumenti di diagnostica semplice in campo ostetrico, ginecologico a sostegno dell’esame clinico e dell’attività assistenziale
  • valutare lo stato di salute della donna e del feto in gravidanza, individuare le situazioni limite e/o a rischio attraverso la diagnostica clinica, strumentale e di laboratorio
  • garantire la presa in carico della persona assistita o della famiglia in condizione di fragilità o con disagio psico-sociale in generale, agendo con particolare attenzione nel percorso gravidanza puerperio e menopausa
  • proporre e realizzare l’assistenza domiciliare per una adeguata vigilanza, assistenza e sostegno alla donna, coppia e neonato  in carico
  • promuovere la protezione, promozione e sostegno dell’allattamento al seno.

Durante il Master sono previsti bilanci formativi attraverso colloqui orali, verifiche scritte, report, finalizzati ad accertare il livello di competenza raggiunto.

Al termine del Master il partecipante sosterrà un esame finale, che consisterà nella produzione e discussione di una tesi.

Agli iscritti che abbiano svolto le attività, frequentato la percentuale minima di ore di corso indicata, adempiuto agli obblighi previsti, superato le prove intermedie e la prova finale, verrà rilasciato il Diploma di Master Universitario di primo livello in “Ostetrica di Comunità e Salute della Donna e del Neonato”.

 

 

 

INFO : http://roma.unicatt.it/master/ostetrica-o-di-comunita-e-salute-della-donna-e-del-neonato-2016


Questionario per ostetriche sulla conoscenza del pavimento pelvico e le sue disfunzioni

Il master di I livello “pavimento pelvico e riabilitazione”, attivato presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza”, in collaborazione con il Collegio delle Ostetriche di Roma e del Lazio, intende attivare una inchiesta, rivolta a tutte le iscritte ai Collegi provinciali del Lazio, per verificare le conoscenze da parte delle ostetriche sulle seguenti patologie:

– rettocele;

– prolasso tricompartimentale;

– incontinenza urinaria;

– incontinenza fecale;

– rieducazione.

Questo il link del questionario:

https://goo.gl/forms/f4wFIrsmgUKTruN53

 

I risultati, i quali ci perverranno in modo anonimo e automatico al termine della compilazione, saranno considerati al solo fine di valutare l’opportunità di programmare incontri e convegni per l’approfondimento degli argomenti indicati.

 

 

 

freccia-giùlettera-per-questionario-latina


#IOnascoConTe

 

Carissimi,
oggi vi scriviamo per darvi una bella notizia: la campagna #IOnascoConTe ha già superato le 7000 foto, che significa per noi più di 7000 euro raccolti da Morellato e la possibilità di garantire 194 parti assistiti in Africa.
Manca solo una settimana al termine dell’iniziativa, che finirà il 2 ottobre 2016, e vi chiediamo ora un ultimo piccolo sforzo. L’obiettivo è raccogliere 9000 euro e siamo molto vicini al traguardo, ma con il vostro aiuto potremo addirittura superarlo!
Partecipate tutti! Ciascuno di voi può dare il suo contributo senza troppo sforzo. E’ davvero semplice: basta scattarsi una foto (un selfie) e condividerlo sul vostro profilo Instagram e Twitter con l’hashtag #IOnascoConTe, raccontandoci cosa significa per voi questa frase e taggando gli amici per invitarli a partecipare. Ad ogni foto condivisa, Morellato donerà 1 euro a Medici con l’Africa Cuamm.
Tutti i dettagli pratici e i consigli su come fare li trovate sul nostro sito e sul sito di Io Donna.
Un caro saluto,
Medici con l’Africa Cuamm

unnamed


Programma degli eventi all’interno della Settimana della Famiglia promossa dal Vicariato di Roma

 

 

Lavoro per i giovani: priorità delle famiglie, futuro per il Paese

Lunedì 3 Ottobre presso l’ Aula Magna La Sapienza Università di Roma in Piazzale Aldo Moro, 5 alle ore 09:00 si terrà l’evento: Lavoro per i giovani: priorità delle famiglie, futuro per il Paese.

Incontro di presentazione dei dati della ricerca “Avere 20 anni, pensare al futuro” condotta, su un campione di oltre 1000 giovani, da ACLI di Roma e CISL di Roma Capitale e Rieti in colLaborazione con l‘IREF.

A partire da questi dati, vogliamo contribuire a costruire una “comunità educante” capace di elaborare risposte concrete alle attese dei giovani.

L’evento è realizzato in sinergia con il Centro per la Pastorale Familiare del Vicariato di Roma nell’ambito della “Settimana della famiglia” del Forum delle Associazioni Familiari del Lazio.

 

 

3-ottobre-2016

 

 

 

 

L’Italia con le “culle vuote”:

Famiglia e Accoglienza della Vita

Roma, 7 ottobre 2016

Università Cattolica del Sacro Cuore

Centro Congressi, Sala Italia – Largo F. Vito, 1

 

0001

 

0002

 

0003

pol-gemelli-7-10-16-culle-vuote-finalefreccia-giù

 

 


CORSO FAD- ECM “L’importanza di una corretta comunicazione in fase di raccolta dati anamnestici con il paziente sordo”

Corso FAD ECM -Lingua dei Segni Italiana per Ostetriche.

“L’importanza di una corretta comunicazione in fase di raccolta dati anamnestici con il paziente sordo”

 

 

 

In collaborazione con il Collegio Provinciale delle Ostetriche di Roma e l’Istituto Statale per Sordi di Roma.

 

 

Costo di Iscrizione: 70 € IVA inclusa

 

 

 

 

Per tutte le Ostetriche iscritte ai Collegi Patrocinanti di
Roma e provincia, Latina, Frosinone, Viterbo, Rieti (*), Cagliari e provincia, del Collegio interprovinciale del Veneto e Caserta, il corso ha un costo totale di 50 € IVA inclusa.

 

 

 

(*) Per le colleghe iscritte al Collegio Ostetriche di Rieti colpito dal terremoto e per le Studentesse, il Corso sarà a titolo gratuito.

 

 

Sede: Formazione a Distanza
Data Inizio: 01 Ottobre 2016
Data Fine: 31 Dicembre 2016
Crediti ECM: 11

Per iscriversi sarà necessario collegarsi al sito ufficiale:

 

http://calendario.akesios.it/fad

 

 

 

Una volta registrate/i al sito e dopo aver pagato il corso, verranno inviate via mail le credenziali per accedere alla piattaforma e seguire il corso FAD.

 

 

 

Segreteria Organizzativa:
info@akesios.it

Tel. 0521 – 647705
Fax 0521 -1622061

 

 

 

 

 

Istituto Europeo Ricerca Formazione Orientamento Professionale Onlus
http://www.ierfop.org/


EMERGENZA CENTRO ITALIA – MISSIONE SANITARIA

 

A tutti i soci SIMEUP

 

Simeup ha ricevuto l’allertamento,

 dal Gruppo Intervento Medico

Chirurgico-GIMC dell’Ospedale da

campo dell’Associazione Nazionale

Alpini, a fornire il supporto

specialistico pediatrico per un

eventuale missione sanitaria

nell’area del terremoto di questa

notte, sulla base di un  mandato

della Protezione Civile  italiana

 

 

Chi fosse interessato a fornire la

propria disponibilità, può contattare

il dr. Gianni Messi all’indirizzo di

posta elettronica 

giannits50@gmail.com 

fornendo anche i recapiti

telefonici per facilitare le

comunicazioni urgenti

 

 

Il Presidente 

Riccardo Lubrano